Centro Servizi per il Volontariato di Asti e Alessandria

 

 

SEDE DI ALESSANDRIA

via Verona 1, angolo via Vochieri

15121 Alessandria

tel. 0131 250389

mail. al@csvastialessandria.it

SEDE DI ASTI

Via Brofferio, 110

14100 Asti

tel. 0141 321897

mail. at@csvastialessandria.it

Mappa del sitoLinks utiliContattiDove siamoHome page

Novità

  Nuova pagina 1

News e Iniziative

L’Associazione “Il Tiretto” in difesa delle persone con disturbi mentali

 

La Cooperativa Sociale "Pazza Idea", nata da qualche tempo grazie alla volontà ed alla perseveranza dei membri dell'Associazione di Volontariato "Il Tiretto", ha spostato da alcuni giorni a Novi Ligure i 2 Gruppi Appartamento di cui si occupa in prima persona da parecchio tempo (fino alla settimana scorsa venivano gestiti a Voltaggio) e che ospitano persone che hanno vissuto il disagio mentale.Lo spostamento ha purtroppo creato parecchi problemi così tanto da divenire notizia sulla stampa locale, dove è stata raccontata sostanzialmente la cronaca degli avvenimenti, mettendo ancora una volta in evidenza i pregiudizi sul disturbo mentale.

L’Associazione Il Tiretto ribadisce, in linea con la propria mission, che le persone con disturbi mentali sono “persone malate” che possono guarire e, alla luce di ciò, hanno il diritto di avere tutte le opportunità possibili utili alla loro guarigione. In particolare l’Associazione sottolinea: “La verità, forse, è che occorre un grande cambiamento culturale che sappia mettere al centro delle nostre attenzioni la persona e non la malattia, che sappia capovolgere il paradigma con cui si accetta che la “persona normale” abbia il diritto a essere difesa al contrario della “persona malata”, che sappia comprendere che non possiamo abbandonare queste persone alla loro sofferenza senza pagarne un prezzo sia etico sia economico tanto alto da farci scivolare, se l’onestà non è assente, nell’imbarazzo, che comprenda che stiamo relazionandoci con persone che non hanno voceperché non avvezzi alla ribellione e capirlo sarebbe già una buona scusa per vivere”. 

   

 

 

 

Torna indietro